Giardini Margherita, Bologna

Le origini del giardino si possono datare al 1658 quando il Comune di Bologna acquista le terre tra Porta Castiglione e Porta Santo Stefano. Nel 1874 il progetto del parco fu affidato al Conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy con la supervisione tecnica dell'ingegnere Tubertini. Il 6 giugno del 1879 fu inaugurato ed intitolato in onore della Regina Margherita che, l'anno precedente, fece visita alla città. I giardini 'Passeggio Regina Margherita' in breve tempo furono rinominati dai bolognesi stessi 'Giardini Margherita'. Chiamarli giardini potrebbe considerarsi riduttivo: con i ventisei ettari di estensione e posizionati alle pendici delle colline bolognesi, fungono da congiunzione tra la città e i colli circostanti.


Il giardino ha un'impronta romantica, grazie al progetto di Sambuy si evincono le linee tipiche dei giardini all'inglese. Inserì un laghetto con annesso chalet nel centro del parco, sfruttando l'acqua del fiume Savena che, tuttora sul lato meridionale del laghetto, ne è presente un tratto che ancora compie l'antico canale, una delle vie d'acqua storiche della città. Furono anche inserite, a costeggiare il lago rocce e sedute in gesso e selenite; all'entrata. a sud, fu posizionato un monumento equestre in onore di Vittorio Emanuele II.

Sambuy riuscì a creare un forte impatto dal punto di vista visivo, con la creazione di contrasti e armonie, inserendo principalmente piante caducifoglie e autoctone; inserì anche elementi in gruppi per rafforzarne la presenza ,come: magnolie, cedri, querce, platani, pini ecc.


Le linee originarie nel corso degli anni sono state tutto sommato mantenute, escluso il piccolo zoo che rimase attivo fino ai primi anni ottanta, con due leoni, cerbiatti e caprette. Vi è ancora presente la palazzina in stile liberty ora sede dell'osservatorio astronomico e la tomba etrusca in travertino rinvenuta nel parco e situata nel prato centrale.


Attualmente sono presenti campi da basket, aree gioco per le giovani età, un circolo tennis, un centro per attività ludico-educativa e una scuola per l'infanzia.


Aperto tutto l'anno. Giardini Margherita, viale Gozzadini, Bologna.

 

Un giardino in 1 minuto:

Commenti: 0